Pianificare e creare il tuo itinerario

Ritratto di Staff

Il segreto di un ben riuscito viaggio "on the road" negli USA,
lo si può associare ad una sola parola: PIANIFICAZIONE.

Non entriamo nella traduzione letteraria del termine, piuttosto cerchiamo di dare una spiegazione ad un termine che in prima istanza potrebbe andare in disaccordo con la filosofia della libertà di viaggiare on the road. Un viaggio ben pianificato ed organizzato è comunque un viaggio che vi consentirà di viaggiare con la massima libertà, anzi vi permetterà sicuramente di vedere molte più cose.

Gli Stati Uniti d'America, sono un paese vastissimo da un punto di vista geografico, lo testimoniano gli oltre 4000 km da una costa all'altra, i diversi fusi orari, ma soprattutto le numerose attrazioni e zone da visitare. E' indubbio, che un viaggio del genere debba essere studiato bene, nei minimi dettagli, senza lasciare troppe cose all'impovvisazione.

Ecco che quindi la fase di Pianificazione è il punto cruciale per la riuscita del vostro viaggio, tanto più lo pianificherete bene, tanto più questo viaggio vi regalerà momenti indimenticabili.

Una delle domande maggiormente ricorrenti, ed è un po' lo spauracchio di chi si approccia alla destinazione e non sa dove metterci mano, è "vorrei andare negli USA, ma non so neanche da dove cominciare". Soprattutto per chi non ha dimestichezza con questo paese, dalle nostre esperienze passate e dai feedback ottenuti in passato ci siamo accorti che le più grandi chiamiamole "carenze", sono di tipo Geografico. A parte una sorta di confusione su dove si trovino certe città, certi parchi nazionali ecc, è il concetto di "vicinanza" è quello che maggiormente devia il nostro pensiero. Quello che gli americani considerano un posto vicino, per noi italiani, abituati a ragionare su distanze più brevi e paesaggi più compressi, sono distanze considerevoli.

Un americano qualsiasi vi dirà che il Grand Canyon è vicino a Las Vegas e su questa affermazione molta gente pensa di visitare in giornata il parco facendo rientro in serata nella capitale del gioco d'azzardo!!! Quando poi cartina alla mano vedi che ci sono ben 450 km e circa 5 ore piene per arrivarci, allora avrete capito che è meglio studiare bene il percorso, piuttosto che continuare a farcire l'itinerario di nuove mete; anzi a malincuore si tenderà ad elimiare dei posti per fare in modo di portare a termine nel migliore dei modi un viaggio e non fare una vacanza al volante!

 

Come si fa quindi a pianificare un viaggio negli USA?? Ecco le 5 regole che vi permetteranno di realizzare un grande viaggio!

1) FOCALIZZARSI SU UNA DESTINAZIONE

Sembra la cosa più sciocca ma non lo è. Gli USA sono un paese vasto che non può esser visitato in un solo viaggio. E' già stato detto più e più volte in altre sezioni, è meglio concentrarsi su una zona e visitare quella, piuttosto che rimbalzare da una costa all'altra, da nord a sud. Evitate i Coast To Coast completi se non avete almeno a disposizione 3 o 4 settimane! Per chi è al primo viaggio negli USA, si consiglia sempre di partire da un itinerario classico per avvicinarsi al meglio al mondo a stelle e strisce.

2) STUDIARE

Per conoscere più approfonditamente la destinazione, che vi piaccia o meno, dovrete studiare, la cosa che maggiormente vi conforterà è che il tutto ha una finalità piacevole. Guide turistiche ma soprattutto la rete sono il contenitore da cui attingere per scoprire i luoghi del vostro viaggio. Internet è un pozzo senza fondo di informazioni, tutto può essere trovato in rete, dal semplice ristorante, al locale dove fanno musica dal vivo, dal calendario degli eventi di una città alle informazioni turistiche su come e cosa visitare in ogni città del globo. Ma non solo, negli anni e sempre di più sarà questa tendenza, la rete di internet non ha permesso solo di costruire il viaggio su fondamenta di informazioni, ma consente sempre di più di costruirsi materialmente pezzo per pezzo qualsiasi tipo di viaggio, tramite la prenotazione on line di servizi turistici (dai voli, al noleggio auto, dagli hotel per arrivare sino alle escursioni). Nell'era del web 2.0 il viaggio lo si costruisce, senza nemmeno uscire da una connessione internet!!!

E' proprio sotto questa voce, che sta l'essenza e lo scopo di fondo di America On The Road. Grazie proprio a questo sito potrete trovare di tutto (ed i contenuti saranno sempre in crescita) per il vostro viaggio. Informazioni turistiche, testimonianze di chi c'è stato, recensioni e commenti, e persino prenotazioni. Visitando in lungo e in largo questo sito eviterete di perdere nottate su nottate di navigazione internet, il nostro obbiettivo, per niente presuntuoso, è quello di darvi tutte, ma proprio tutte le informazioni per il vostro viaggio senza nemmeno guardare altrove!!!

3) MISURA IL TUO TEMPO

Non scopriamo l'acqua calda, le nostre giornate durano 24 ore, circa 8 ore le si dovrebbero dedicare al sonno, per cui nel resto della nostra giornata da turista si concentrerà sui luoghi che andremo a visitare e alle giuste attività di svago, riposo e divertimento. Ognuno di noi ha i propri ritmi e nessuno ve li vuole stravolgere, sappiate programmare per bene i tempi da dedicare alle visite di città, musei ed altre attrazioni.

4) MISURA ANCHE I KM

E' un concetto che lo si abbina ed assimila al precedente. Un viaggio on the road, alterna a momenti di svago e visita a momenti dedicati ai trasferimenti con veicolo a noleggio. Come detto in precedenza le lunghe distanze nei paesaggi americane e dei limiti di veloci davvero lenti, obbligano quasi quotidianamente a muoversi da una zona all'altra, il bello del viaggio è anche questo, scoprire giorno dopo giorno nuovi orizzonti. Negli Stati Uniti, guidare è più che altro un grande piacere, sia per lo stress notevolmente inferiore che sulle nostre strade, che per gli stupendi panorami che si ammirano anche e semplicemente dal parabrezza.

Studiate bene le cartine stradali, hanno ancora il loro fascino, noi abbiamo ancora una certa preferenza e le usiamo, rispetto all'arida tecnologia di un navigatore satellitare. Per i neofiti e per chi non ha dimestichezza con il territorio Americano, siti come Google maps o Yahoo maps, sono davvero una manna dal cielo. Possiamo definirli stradari on line, che danno indicazioni stradali e di tempi di percorrenza con un'ottima precisione. Oltre a creare itinerari semplici (dal punto A al punto B), vi permettono di realizzare itinerari complessi (come quelli di un viaggio itinerante), con anche la possibilità di essere salvati e modificati liberamente. Più che sulle distanze, focalizzatevi sui tempi di percorrenza, siate sempre un po' più larghi (non considerano ovviamente la variabile traffico).

La giornata tipo di un viaggio on the road, inizia il più delle volte con uno spostamento in auto, da una località a quella successiva. Si lascia l'hotel dove si è pernottato, si guida per qualche ora sino ad arrivare alla meta successiva, in modo da prendere posto nell'hotel prenotato e successivamente dedicarsi alla parte vera e propria della città, di un parco nazionale, un attrazione, un museo ecc.

Cercate di ponderare le ore al volante con i tempi necessari per fare il turista. Per tale motivo si consiglia di fare tappe giornaliere non superiori ai 300-350 km. Per questioni geografiche ci saranno delle giornate (cercate di limitarle ad 1 o 2) dedicate esclusivamente ai lunghi trasferimenti, allora in questi casi si riescono a fare tappe anche di oltre 600-700 km. Soprattutto su questi lunghi trasferimenti valutate se vi conviene (anche in termini di costi) prendere un volo interno e nuovamente una macchina a noleggio. I voli interni americani hanno un costo davvero ridotto e la rete aeroportuale è molto capillare.

Negli itinerari che includono la visita dei parchi nazionali americani, ci consiglia almeno di sostare 2 notti nei parchi più estesi, in modo da poterli visitare con almeno una giornata intera a disposizione.

5) PRENOTA PRIMA

Per questo ultimo punto, ci riferiamo escluivamente alla prenotazione degli alberghi. Lasciate a chi veramente conosce bene gli USA e ha già fatto diversi viaggi, la libertà di scegliersi l'hotel /motel di volta in volta. Sicuramente avrà già degli indirizzi fidati, saprà a quale catena rivolgersi per il proprio viaggio.

In tutti gli altri casi, si consiglia vivamente di prenotare la maggior parte degli Hotel del vostro viaggio on the road. Le motivazioni sono duplici: durante i periodi di maggior affluenza e nelle zone con minore disponibilità alberghiera molte strutture potrebbero essere al completo. Secondo aspetto da non trascurare, si rifà ad uno dei punti precedenti, il risparmio dei tempi durante il viaggio stesso.

Mediamente si arriva a fine giornata presso l'albergo, che spesso vi servirà per una doccia rigenerante ed un comodo letto per dormire bene. Arrivando quindi nel tardo pomeriggio, potreste trovare maggiori difficoltà nel cercare una sistemazione, potreste non trovare al primo colpo e quindi, già stanchi, dovrete impegnare ulteriori energie e risorse nel vano tentativo di cercare un alloggio per la notte.

Prenotare prima, vuol dire avere ancora più tempo a disposizione per visitare i vostri posti preferiti! Non necessariamente dovrete prenotare con largo anticipo, ma potete anche farlo strada facendo, proprio per gestivi al meglio la vostra libertà in viaggio.

Vi consigliamo di prenotare con giusto anticipo in estate, nella regione dei Grandi Parchi nazionali e nelle città, solamente in concomitanza con festività o particolari eventi. Troviamo infine molto comodo prenotare tappa dopo tappa anche durante il viaggio. Molti viaggiano con il pc, oggi come oggi gli smartphone e gli Ipad spopolano, le connessioni wi-fi degli hotel sono gratuite ovunque, per cui dalla vostra camera di Hotel, potreste prenotare di volta in volta le vostre notti successive

Si consiglia ad esempio di prenotare oggi l' Hotel dove arriverete tra circa 3 giorni così da avere un'ulteriore flessibilità, e se possibile potendo cancellare liberamente la prenotazioni in caso di imprevisto.

 

Continua >>

 

Share/Save